In montagna con la bicicletta

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:QuiBolzano
  • Commenti dell'articolo:0 commenti

Florian Puff, 61 anni, gestisce un bar in via Laurino. Durante la prima fase della pandemia i media gli dedicarono attenzione in quanto era stato tra i primi esercenti del capoluogo ad adottare misure di protezione che gli consentissero di tenere aperta la sua attività. Quello che molti non sanno è che Florian Puff nel privato è uno sportivo appassionato di montagna che pratica l’arrampicata su ghiaccio, lo scialpinismo e mountainbike “estremo”.
A fine marzo ha destato attenzione un suo video, postato sul suo profilo Facebook, dal titolo “Dolomiten Bikepacking”, un circuito di 4 giorni (e tre notti) affrontato in mountainbike: 150 chilometri di lunghezza per un totale di 7000 metri di dislivello, da solo nella natura, con tenda e sacco a pelo, utilizzando il più possibile percorsi off-road. La magia del video sta nell’esperienza della solitudine nei luoghi simbolo delle Dolomiti, oggi deserti a causa del lockdown (L’ Alpe di Siusi e le piste da sci sulle pendici del gruppo del Sella).

QUIBolzano: Cosa La spinge a cercare rifugio nella natura?
Florian Puff: Con la mia attività, la mia giornata lavorativa è di 14 ore. Ma con il lockdown di colpo mi sono trovato ad avere tantissimo tempo libero. Il periodo più duro è stato sicuramente il primo lockdown, quello in cui ci siamo tutti trovati relegati in casa senza la possibilità di abbandonare il comune di residenza. Se vivi a Bolzano e sei appassionato di scialpinismo, arrampicata su ghiaccio e mountainbike in altura, non è il massimo…

Quando con  l’inverno ci siamo ritrovati nuovamente in lockdown, la novità era data dalle nuove norme che consentivano a chi girava in bicicletta, di uscire dal territorio comunale. E’ stato così che ho cominciato ad andare a fare scialpinismo con la bici. Ho trovato il modo di fissare gli sci sulla mountainbike e sono partito alla volta di Obereggen. Lì ho messo gli sci, ho fatto la mia escursione e alla fine sono rientrato a Bolzano con la bici.
Senza restrizioni, sarei partito in auto, avrei fatto la mia escursione con gli sci e la sera sarei tornato a casa soddisfatto. Se decidi di andare in bici, ti devi imporre di partire la mattina alle quattro e devi mettere a bilancio almeno due ore per salire. Ho fatto 10-12 escursioni così, con la mountainbike e poi gli sci, ma è una esperienza massacrante.

Quindi ho cominciato a ragionare su delle alternative, finché sono giunto alla conclusione che avrei lasciato gli sci a casa e che sarei partito in mountainbike. Ho studiato percorsi alternativi alla strada asfaltata, ma comunque percorribili nonostante la neve. E ho cominciato ad esplorare nuovi sentieri, una esperienza nuova, non ultimo per via della neve e del ghiaccio…

QUIBolzano: Non ha mai avuto il timore di scivolare, di “impiantarsi” durante una discesa e di cadere in malo modo?

Florian Puff: Ho fatto esperienza di tutto (ride, ndr). Comunque impari presto a capire che ci sono situazioni in cui puoi solo smontare dalla bicicletta e spingerla.

QUIBolzano: Ha una mountainbike particolare? Per queste escursioni ha montato dei rapporti particolarmente leggeri o usa gomme chiodate?

Florian Puff: Gomme chiodate mai, quelle servono se vai esclusivamente su ghiaccio. La bici la ho adattata da tempo alle mie esigenze, è già concepita per performance estreme, i rapporti sono leggeri, ma a me interessa anche la velocità. Certo, sento che con l’età comincio anche a perdere la potenza di un tempo. Cerco di pianificare le escursioni in modo da essere sulla neve al mattino, fino a mezzogiorno. Il pomeriggio percorro possibilmente tratti con fondo asciutto

QUIBolzano: Immagino che conti anche il fattore peso

Florian Puff: I materiali sono importanti, la bici pesa 14 chili e per quanto riguarda il bagaglio, cerco di economizzare quanto più possibile. Il mio bagaglio è montato su manubrio, sul portapacchi agganciato alla sella, più uno zainetto. In tutto 10 chili circa. Utilizzo materiale tecnico, caldo e resistente ma leggero: dall’abbigliamento, alla tenda e al sacco a pelo. Poi devo portarmi dietro un fornelletto, in queste escursioni è sempre importante assumere liquidi caldi, l’acqua la ricavo sciogliendo la neve

Poi devi pensare che ogni tanto devi scendere dalla bici, altrimenti rischi di stare in sella per 15 ore al giorno. Io mi porto dietro una macchina fotografica. Un tempo ero un appassionato fotografo, ma ultimamente, specie per questi giri mi porto dietro solo una fotocamera compatta che stia in tasca. Ne uso una buona, ma non mi piacciono le action cam, perché tendono a distorcere molto. Per il video che vedi sul mio profilo, ho fatto diverse riprese, ma senza guardare il singolo risultato. Deve andar bene, non è che posso compromettere la batteria. Una di riserva la porto dietro, ma non c’è possibilità di ricaricarla, quindi bisogna risparmiare dove si può, si lascia a casa tutto il superfluo.

QUIBolzano: Come le è venuta l’idea di una quattro giorni in solitaria, solo Lei e la natura?

Florian Puff: Due o forse tre anni fa mi sono imbattuto in una parola nuova: Backbiking, che interpreta la filosofia della tenda e del sacco a pelo abbinata alla bicicletta. Il termine era associato ad una manifestazione che si svolge ogni anno in Toscana, il Tuscany Trail al quale ho partecipato.

Riportiamo dal loro sito internet (www.tuscanytrail.it): “Un’avventura di 500 km in sella alla tua bicicletta, da Nord a Sud, in “autosufficienza” come veri avventurieri del ventunesimo secolo. Un itinerario caricato sul GPS e via ognuno con il proprio passo, senza tempo limite, perché l’avventura è un diritto che deve essere alla portata di tutti. Ad oggi è l’evento al mondo che detiene il maggior numero di partecipanti presenti: 1230. Un’evasione dalla routine quotidiana, uscirai dalla tua “comfort zone” e ti ritroverai a vivere intere giornate con i ritmi dettati solamente dall’alba e dal tramonto. I più avventurosi tra di voi sicuramente non perderanno l’occasione per dormire sotto il cielo stellato con la tenda o solamente il sacco a pelo.”

Quando ha fatto partire la tua esperienza di Backbiking nelle Dolomiti?

Dal 23 al 27 marzo ho fatto il mio trail, tutto in solitaria.

Martedì 23 marzo: Bolzano – Tires – San Cipriano – Lavina Bianca, Schönblick (Aica) – Umes- Laghetto di Fiè – Alpe di Siusi con sosta per la notte a Spitzbühel

Mercoledì 24 marzo: Spitzbühel – Rifugio Molignon (Mahlknechthütte) – Tirler – Selva Gardena – Passo Gardena (sosta per la notte)

Giovedì 25 marzo: da Passo Gardena lungo le piste da sci fino a Corvara – San Martino in Badia – Antermoia – Passo delle Erbe –  San Pietro (Val di Funes) – Chiusa – Villandro – Alpe di Villandro

Venerdì 26 marzo: Alpe di Villandro – Sella gasteiger Sattel – Corno del Renon – Pemmern – Soprabolzano – Bolzano

QUIBolzano: La notte dormiva in tenda, in posti con una vista meravigliosa. Ha mai avuto paura?

Florian Puff: La notte senti tantissimi rumori. Un tempo non ci pensavo, però in linea teorica so che c’è la possibilità di incontrare qualche animale, penso all’orso o ai lupi, anche se la possibilità è remota. Statisticamente in Alto Adige vivono più cervi che lupi, eppure non ne incontri quasi mai. Io per ogni evenienza ho sempre a portata di mano uno spray al peperoncino, nella speranza di non doverlo mai usare

Till Antoinio Mola

Articolo pubblicato sul numero 07/2021 di QuiBolzano. Articolo disponibile anche online QUI.

Lascia un commento