Stefano Bernardi – mercoledì 22 febbraio ospite a La Musica Dentro su Radio Tandem

SB bn B
Mercoledì sera 22 febbraio 2017 l’ospite a La Musica Dentro, sarà Stefano Bernardi. Oggi Stefano è noto ai più per le sue installazioni multimediali. A me piacque un casino quella all’ex palazzo delle Poste ferrovia, nel 2001 circa, prima che venisse trasformato in palazzo provinciale, in occasione della rassegna sull’arte emergente “Panorama”: un cono woofer immerso in una vasca con dentro della pittura bianca. Ad intervalli questo cono emetteva un suono e  le onde sonore diventavano onde visibili sulla superficie. Perché Stefano non è solo un rinomato artista multimediale – e proviene dalla scuola di cinema Zelig, ma suona ancora e nonostante tutto. Da poche settimane gli ZiZ hanno al proprio attivo un nuovo lavoro (ai tempi in cui Tandem si occupava delle selezioni regionali di Arezzo Wave, mi intrigò un casino la cassetta di questi ZiZ di Brunico (anni ’90). Insomma di cose di cui parlare, ve ne sono. La Musica Dentro, a Bolzano sui 98.400 di Radio Tandem. Oppure dal sito www.radiotandem.it

Ivo Orrigo ospite a La Musica Dentro il 15 febbraio

Cattura

Il 15 febbraio La Musica Dentro ospita Ivo Orrigo. Musicista elettronico – è uno dei responsabili delle trame degli ottimi Future by Fax – ma anche cantante della band Officine Magnetiche, Ivo si presenterà in trasmissione insieme a Monika Callegaro, che già in più di una occasione ha dato supporto alla squadra di conduttori della trasmissione.

La Musica Dentro va in onda a partire dalle ore 21 sui 98.400 MHz a Bolzano. Altrimenti in streaming su www.radiotandem.it o tramite app (TuneInRadio o simili)

Riascolta Bobby Gualtirolo a La Musica Dentro

Era la seconda volta che Bobby Gualtirolo veniva a La Musica Dentro ed ha deciso di proporre una carrellata di musica brutta di artisti importanti.  Per sviluppare questo tema ha chiesto che Woody ed io ci  facessimo affiancare da Marco Ambrosi. Detto… Fatto!!! Gran bel modo di fare radio! buon ascolto!!!

La Musica Dentro 14 online

Una assenza all’ultimo momento dell’ospite della puntata (ma con Piergiorgio Veralli aka El Morisco, si recupera!!!) ha fatto sì che Woody ed io ci mettessimo a trasmettere molto a braccio. Esperienza molto bella, che mi ha fatto tornare indietro alle trasmissioni improvvisate condotte insiema ad Alex (aka Mister Alex), oltre venti anni fa. A rendere più stimolante il tutto vi è il fatto che io mi sia deciso a cominicare a mettere ordine, dopo i vinili, alla miriade di cd sparsi per casa, e ad ascoltarli. Quindi posso affermare che non tutti i mali vengono per nuocere!

A volte ritornano

LMD_MARCOA_500

E’ stato due volte lui l’ospite de La Musica Dentro. Inoltre è stato presente in studio in occasione delle due puntate con Mauro Ferrarese e di quella con Luca Moresco. Sin dall’inizio mi sarebbe piaciuto tirarlo in squadra ed ecco che finalmente mercoledì 18 gennaio entra ufficialmente in squadra. La panchina è lunga: negli anni mi hanno affiancato alla conduzione (ordine sparso – se dimentico qualcuno, me ne scuso preventivamente) Monika Callegaro, Antonio Vaccaro, Maura Bellinazzi, Alois Pirone, Stefano Bonifacio, Sarah Orlandi, Stefan Degasperi. Quest’anno a condurre ci siamo io e Woody. Ma domani ci sarà anche Marco Ambrosi – per anni collaboratore della Radio – che questa volta interviene “alla pari”, e speriamo che sia l’inizio di una lunga (ri)collaborazione. Ci troveremo a parlare di musica, a proporre i nostri ascolti. Insomma lo spirito sarà quello della chiacchierata tra amici. L’appuntamento è per mercoledì 18 gennaio dalle ore 21 sui 98.400 in FM di Radio Tandem (dal sito possibilità di ascoltarci in live streaming)

Riprende La Musica Dentro – stasera l’ospite è Mauro De Pascalis

Mauro De Pascalis, ospite de La Musica Dentro, a Radio Tandem, 14 ottobre 2015
Mauro De Pascalis, ospite de La Musica Dentro, a Radio Tandem, 14 ottobre 2015

Torna La Musica Dentro, la mia trasmissione in cui l’ospite – quasi sempre un personaggio conosciuto in città – si racconta attraverso la sua musica. Mercoledì scorso è cominciata la quarta stagione. Ho approfittato della voglia di Massimo Giomi, più conosciuto come Woody, di rimettersi a fare radio e così quest’anno saremo noi due a gestire il mixer della trasmissione. Ma LMD può sempre contare su una squadra di conduttori che all’occorrenza interviene: Stefano Bonifacio, Alois Pirone, Monika Callegaro, Stefan Degasperi…
Questa sera LMD parte come l’anno scorso. Il primo ospite si chiama infatti Mauro De Pascalis, di professione avvocato, ex consigliere comunale, ma soprattutto un amico di Radio Tandem. L’anno scorso avevamo scorto in lui un interesse per la notte della taranta e affini (ascoltare per credere, clicca qui), questa sera ci faremo sorprendere! Quale sarà la scaletta? Francamente non lo so. Ma questo non sapere è anche il punto di forza della trasmissione, perché decide sempre l’ospite, e spesso la falì per lì. Buon ascolto a tutti!!!

La Musica Dentro, su Radio Tandem (98.400 in FM a Bolzano e Bassa Atesina, in streaming dal sito (www.radiotandem.it) o da smartphone tramite App come TuneInRadio , Radio FM Italia, ecc.
Archivio trasmissioni su www.lamusicadentro.it

Record Store Day – un anacronismo. o forse no

Oggi 16 aprile, ricorre il Record Store Day, la giornata dei negozi di dischi, luoghi che rappresentano una sorta di luogo sacro nei ricordi di chiunque abbia una collezione di dischi in vinile. In ogni collezione di dischi che si rispetti, ci sono dei vinili con una propria storia, legata a negozietti nascosti, bancherelle, concerti.
Nel 2011 può sembrare anacronistico dedicare una giornata al negozio di musica. Ieri ho letto che tra i padrini dell’iniziativa ci sarebbero Paul McCartney, Ozzy Osbourne e Bruce Springsteen; quest’ultimo ha annunciato qualcosa come “Enterò in un negozio di dischi e ne acquisterò per cinquecento dollari. Sostengo da solo ciò che resta del music business”. Ecco, se la citazione è corretta (presa da questo articolo a firma di Roberto Calabrò), statevene a casa…

Per me il vinile continua ad avere una sua importanza, ma ritengo anche che sia una questione anagrafica. Dubito che ai nativi digitali gliene possa fregare qualcosa. Non ho una gran opinione dei cofanetti e delle special edition. Nel mio piccolo mi piace l’idea di aver resistito all’ipotesi di privarmi del mio modesto archivio e quando mi capita di entrare nel negozio giusto o di sfogliare i dischi nei cartoni delle banane di qualche bancarella al mercato delle pulci, spero di trovare qualche chicca

Se penso al vinile, penso ai negozi di dischi di Bruxelles, penso alla copertina di Endtroducing di DJ Shadow o a High Fidelity di Stephen Frears, tratto dall’omonimo romanzo di Nick Hornby. Il negozio di dischi come luogo di scambio culturale, dove confrontarsi sulle novità, cose di questo tipo. Nel mio caso e quella di molti compagni di avventura, questo ruolo l’ha ricoperto Radio Tandem, ma questa è un’altra storia…