OIDADA OIDA, HA HA


Non ho seguito nel dettaglio la polemica riguardante l’ingaggio di Goran Bregovic per la realizzazione dell’inno dei campionati mondiali di sci nordico in Val di Fiemme. Nemmeno quella sul presunto plagio (peraltro di un altro pezzo, sempre suo)… Però il video con l’inno dei mondiali non è male. Ricordo l’inutile viaggio per andare a vedere Bregovic nel 2004 ai piedi delle Pale di San Martino nell’ambito dei Suoni delle Dolomiti – arrivammo in ritardo dopo un viaggio intricato e di gente ce n’era veramente tanta, troppa per dei ritardatari. All’epoca avrei sperato che il concerto si fosse tenuto all’amato Passo Lavazè (visita il mio sito e la pagina facebook)
Da qualche giorno su Youtube c’è il video dell’inno di Bregovic, girato anche al Passo Lavazè. Bello! il video, l’orchestra, il coro. Il tutto è molto leggero, e conferisce anche un’aria leggera al Passo. Peccato che poi a Lavazè non si disputeranno gare, e quindi fatico a comprendere la logica con cui sono stati commissionati dall’ente pubblico dei lavori “per i mondiali” che ritengo essere invasivi per il territorio. Ma questa è un’altra storia…
A me il video e la canzone piacciono, e molto! complimenti all’autore e al regista!

Blog fotografico sul Passo Lavazè

Il blog fotografico sul Passo Lavazè procede. Ad oggi ho immesso 18 post e almeno altrettanti sono in attesa di pubblicazione. La fase di avvio può pertanto ritenersi conclusa, anche se a mancare sono soprattutto le informazioni storiche. La linea del blog è quella di documentare l’evoluzione di una delle più gettonate mete di gite del Trentino Alto Adige. Ma mancano ancora molte informazioni, non ultime le datazioni esatte delle immagini. Un aiuto uin questo senso sono le cartoline, soprattutto quelle viaggiate, che consentono di affermare con certezza almeno alcune date. Ma il blog resta un work in progress ed ogni aiuto è ben accetto. Per questo motivo ho deciso di aprire il blog ai commenti (seppur con la moderazione degli stessi). Contemporaneamente aumenterò la presenza delle novità sul blog fotografico sui social media (in caso: questa la pagina del Passo Lavazè che ho creato su Facebook, seguile anche su Twitter).

WordPress vs. Aruba

Mamma mia, che spavento! Ho avuto la malaugurata idea di cliccare (lo so, non si fa – in teoria vige la norma del: se funziona lascia tutto così com’è) il tasto che mi proponeva l’upgrade di wordpress alla versione 3.0.4 per il mio blog fotografico del Passo di Lavazè. Risultato: internal server error – contattare il proprio webmaster, che poi sono sempre io. Meno male che c’è internet. Sfogliando i vari forum ho scoperto che

  • a dare errore è la combinazione WordPress + Aruba (il mio provider).
  • che  l’accesso al dashboard è garantito (ma non era il mio caso),
    ma soprattutto che
  • per risolvere il problema bisogna assegnare il valore 755 a tutte le cartelle e sottocartelle del blog.

Mi sono fidato (perso per perso) ed è andata bene :-)

P.S. Dovrei aggiornare anche la versione di questo mio blog (fermo alla versione 2.6.5, ma ammetto di non essere poi tanto convinto)

Anno nuovo

Dopo diverse settimane di silenzio e non meno di 10 giorni di ferie (!!! :-) ) torno a farmi vivo su queste pagine. Da circa due mesi seguo regolarmente il blog di vespanda.com, il diario di un viaggio in vespa per le americhe. Il linguaggio di Ilario – il blogger – è vivo, riesce a farti vivere il suo viaggio! Un grande!
Sul fronte interno ho raccolto e continuo a raccogliere tutto il materiale possibilie sul Passo di Lavazè, a cui ho dedicato un blog prevalentemente fotografico (www.kiasma.it/lavaze – legato al dominio www.passolavaze.it).
Ne approfitto per chiedervi aiuto: sto cercando diverso materiale fotografico del passo di come era, soprattutto ad inizio ‘900, ma anche relativo ai concerti dei Suoni delle Dolomiti, a cui vorrei dedicare una sezione del blog. Mi bastano immagini con una larghezza di 950 pixel. Potete contattarmi commentando il presente blog o mandando una mail a kiasma[at]kiasma.it.
Anche il sito kiasma.it sta cambiando. Un po’ alla volta sto riorganizzando le gallerie fotografiche appoggiandomi non più a flickr, divenuto ormai piuttosto macchinoso, ma a Jalbum (.net) che ha una funzione che permette di ospitare le foto nel dominio personale, e le descrizioni e gli eventuali commenti sul server della piattaforma (ok, sul mio sito c’è un box con le “Ads” di Google, ma non è invasivo e mi consente di mantenere l’account gratuito).